Archivi tag: zetsu nero

Aspettando il capitolo 691 – E ora?

Oh hanno sigillato Kaguya, la madre di tutto il chakra, che giustamente era lì a chiedersi come cazzo potesse essere successo! Ma anche te Kaguya, di nuovo caschi nella stessa trappola! Ma non possiamo incolparla troppo: lei era come la borsetta-Juubi, incapace di fare la stessa mossa per più di una volta, benché da Mortal Kombat in poi sia chiaro a chiunque che ripetere la stessa mossa fino all’esaurimento nervoso sia una tattica vincente.

E’ come se Kaguya fosse partita via con la sua piramide e poi qualcuno le avesse spedito su una bomba atomica: e tu che fai? La rimandi giù? Blocchi il teletrasporto perché nessuno possa entrare? Oppure generi un fascio di luce dagli occhi perché sì?! Ovviamente anche Kaguya sceglie l’ultima opzione: poteva riattivare una turbo gravità che avrebbe spiattellato a terra i nostri volanti-eroi, avrebbe potuto teletrasportarsi di nuovo via e lasciarli lì a crogiolarsi nel dubbio mentre sorgeva una nuova dimensione, avrebbe potuto chiudersi anche lei in un susanoo o in una palla di sabbia, o duplicarsi in millemila copie che nessuno avrebbe riconosciuto, oppure lanciare una fitta pioggia di travi di legno, o sputare del fuoco, generare del vento tipo quelli a 700km/h delle tempeste di Giove, avrebbe potuto teletrasportare tutti nella zona dell’acido, o in mezzo allo spazio cosmico, o diventare trasparente lei stessa — avrebbe potuto fare così tante cose, che l’aver scelto di non fare niente era perché in realtà si trovava in un amletico dilemma finale.

Adesso fioccano le ipotesi, perché questo finale è talmente assurdamente stupido che solo un “ficcatevelo in culo” e “sono tornato” avrebbero potuto renderlo divertente. Madara resusciterà? Lo sguardo di Hashirama che vuol dire? Faccia-di-satana Uber-Dio-Hogoromo è forse malvagio?

690-evil-hogoromo

Spero niente di tutto ciò. Mi annoierebbe a morte un altro scontro dopo il combattimento con una simil-dea venuta lì giusto per non far morire Madara — perché Madara nei sondaggi piace e quell’ignavo di Kishimoto non vuole far torto a nessuno. Se Uber-Dio-Hogoromo ha detto che è finita: allora è finita. Hashirama è lì che si chiede se l’amore della sua vita si rialzerà in piedi, dopo essere stato posseduto da Vigo e li attaccherà tutti o dirà che ama ciascuno di loro.

Probabilmente sarà la seconda: prepariamoci ad un melenso festino dove tutti quanti stapperanno champagne e si congratuleranno gli uni con gli altri, specialmente quelli che non hanno fatto nulla di utile fino all’ultimo secondo.

Ovviamente già adesso non potevano mancare sviolinate tipo la foto di famiglia con Jiraya, Asuma, Neji (morto per colpa della polverosa Hinata ♠), Minato, Kushina, Itachi (???), Zabusa, quel frocione di Haku, Pain (maddai…), Hogoromo (ma questa?!) e Obito (vabbe’ ormai il surreale regna). Naruto non è che ti dimentichi qualcuno tipo? Mussolini, Pinochet, Hitler, insomma questa gente qua, no? Anche loro avranno fatto qualcosa di buono per cui meritano di essere ricordati, nevvero?

Poi è il momento del quiz manga-visivo.

690-indovinachi

Meglio non commentare, d’altronde ci basta l’espressione da ghetto-girl-sorpresa della fragola-rosa Sakura.

690-sakura

Perché cotanta sorpresa?! Manco avesse visto Naruto e Sasuke incularsi con sabbia e vetri trovati lì nella zona.

Ovviamente a Kishimoto non va manco più di disegnare, per cui ci mette in mezzo un po’ quello che gli capita e lì ci stava bene che Sakura si scioccava a dir poco nel veder comparire faccia-di-Satana: in quel momento probabilmente si stava dicendo “Cazzo! Io ho contribuito ad uccidere la bellissima Kaguya, che avrebbe prodotto vibratori per noi tutte, per ‘sta merda d’uomo! Oh no, perché l’ho fatto?!” Già Sakura, perché? Se non facevi nulla era uguale, il tuo pugno era come l’invasione italiota della Francia durante il fascismo.

In tutto questo la parte migliore è che sono rimaste una miriade di cose in sospeso: il piano di Orochimaru, i vasetti caduti in testa a Ten-Ten, il risveglio di Madara, l’ipnosi di Yamato, lo sputo di Tobirama, il chakra passato a Sasuke da Hashirama. il piano di Sasuke, ecc… Tutte cose di cui probabilmente non sentiremo più parlare. Adesso è il momento delle conclusioni (tirate via) e quelli erano solo eventi di passaggio.

Come finirà? Madara chiederà il perdono di santo-Hashirama, che da dio generoso qual’è glielo concederà; Kakashi cercherà di farsi eleggere hokage-a-vita, Orochimaru sarà contento del nuovo vento sui mulini di Konoha, Yamato si sveglierà col mal di testa, così come farà Ten-Ten, ma per altri motivi da contusione fisica.

Però una delle cose più memorabile, oltre ad essere la solita beffa ai suoi danni, sarà il risveglio della polverosa-Hinata, così sfortunata che non le è concesso manco di vivere un sogno col suo Naruto-kun ♥ che già deve andare via. ♠

 

Annunci

Naruto in pillole – Capitolo 690

690-hogoromo

In un trionfo di mega-simbologia all’ipercubo Naruto e Sasuke sigillano Kaguya, sul cui rinnegan si chiudono sole e luna per sempre… O almeno finché qualcuno non le ridarà vita. La terra trema, pezzi da ovunque volano per formare una nuova micro-luna che, se valessero le leggi della fisica, precipiterebbe immediatamente al suolo schiantando tutti a morte, ma così non è, e Naruto ha tutto il tempo di gettare nel neo-formato satellite Zetsu-nero, ancora nel braccio mozzato della madre.

Per misteriosi motivi sorge tutto ad un tratto il dilemma su come andarsene da quella dimensione, benché Turbo-Kakashi ormai sia il mastro-di-chiavi e potrebbe teletrasportarli tutti via. Ma niente paura, appare Uber-Dio-Hogoromo con gli zombi-kage, il cadavere di Madara, un sacco di spettri che manco nei Ghostbusters dopo l’esplosione della centrale, tutte le bestie-codate e chiunque ci possa venire in mente, e dichiara che è la fine salvifica di tutto.

Ma proprio tutto! E vissero tutti felici e inutili… Ora che succederà?

Fonte: Naruto 690


Naruto in pillole – Capitolo 689

689-team-7-kaguya

Kaguya, ripresasi dalla deformità-Juubi, comincia a creare una nuova dimensione per la quale sacrificherà i nostri eroi (???). Qualunque cosa questo possa voler dire…

Mentre la sfera-nera-pan-dimensionale cresce a dismisura, è l’ora di seminare terrore e morte cominciando ad uccidere qualcuno (anziché starsene in disparte ed attendere la fine): ma chi potrebbe scegliere?

Da un canto ci sono Osiride-Naruto e Iside-Sasuke, laddove i cloni del primo si stanno accalcando per proteggere il secondo, in groppa ad uno di loro (ma che principe azzurro che sei, Narutello!).

689-sasunaru

Dall’altro ci sono l’impotente fragola-rosa e Turbo-Kakashi. Kaguya opta per quest’ultimo, ma tra gli innumerevoli poteri alla di lui disposizione ci sono anche la trasparentizzazione ed il teletrasporto, per cui il tutto finisce con un buco nell’acqua (visto anche che lei si ostina ad usare solo quei tre-quattro poteri che reputa eleganti).

Dopo un tanto macchinoso quanto figo combattimento, Kaguya si ritrova misteriosamente attorniata dal Team 7 pronto a schiantarla-a-morte (sì, Sakura, su ispirazione della Dio-Donna, ha deciso di fare, anche lei, qualcosa di utile), mentre Turbo-Kakashi li guarda in disparte, con gli occhi a cuoricino: belli i miei ex-allievi (e bello che sarò il prossimo hokage!).

Fonte: Naruto 689

 


Naruto in pillole – Capitolo 688

688-kakashi-obito

Finalmente non sentiremo più parl… Ah no, riecco Obito che proprio non ne vuole sapere di morire. E’ sul punto di andarsene via con Rin, ma ha un’ultima idea. Si teletrasporterà da Kakashi… O meglio… Teletrasporterà il suo spirito nel mondo reale… O meglio, si teletrasporterà nella zona-bianca di lui e Kakashi, dove entrambi sono giovani.

Cioè quella è una specie di aldilà? O una porta all’aldilà? Tutte le volte che qualcuno è lì è in un posto reale?

688-obito

Nel frattempo Naruto ha una di quelle idee che-era-meglio-restare-a-casa, e lancia su Kaguya una fusione di tutti i poteri delle bestie-codate che per incogniti motivi si aggregano attorno al moncherino dell’ex-braccio sinistro di costei, per formare una mega nuvoletta-Juubi. Il tutto come al solito, specialmente quando è Naruto che attacca, viene ripreso da una GoPro che Zetsu-nero regge alle spalle della madre, mentre fa la telecronaca della battaglia.

kaguya-naruto

 

Dopo questo piccolo potenziamento Kaguya attacca tutto e tutti, compresa Sakura.

E’ il momento della fine di Sakura! Ora Sakura muore, ma Sasuke, che è follemente innamorato di lei, balza lesto come una pantera e la protegge nel suo susanoo-zord, tanto che non c’era manco bisogno che Naruto stesse lì ad avvertirlo di salvarla (piuttosto che salvarla egli stesso… ma di questo non parliamo). Insomma era il suo primo pensiero!

Ah no, si trattava di Kakashi… che adesso è pronto a diventare il sesto hokage con i suoi nuovi uber-poteri (ammesso, ma non concesso, che Tsunade non lo spedisca in gulag prima).

Fonte: Naruto 688


Naruto in pillole – Capitolo 687

687-zetsu-nero-naruto

“Quindi lo stupido traditore è finalmente morto…” così Zetsu-nero riassume in una frase tutto il capitolo, mentre Naruto dice quello che il destino-Kishimoto pensava del suo diletto (lui e lui soltanto, visto che nemmeno Rin apprezzava quella mammola di Obito): “Non prenderti gioco di Obito… Lui era il più figo!!!”

Più figo di Sasuke che sta volando in un mega-robot-susanoo per attaccare inutilmente Kaguya?

Se lo dici tu… Ma Naruto non ha tempo di pensare ad altro e si avventa su Kaguya tagliandole il braccio sinistro. Intanto assistiamo all’impotenza di Kakashi e della fragola-rosa Sakura, a Obito che muore alla moviola, a quella troia-cosmica di Rin che lo accoglie nell’aldilà per friendzonarlo ab eternum.

Che capitolo meraviglioso.

Fonte: Naruto 687


Naruto in pillole – Capitolo 684

684-kaguya-naruto

Obito invita Naruto e Sakura a toccarlo (sic!) in modo da poterli teletrasportare in qualsiasi momento via dalla Cotton Fioc Zone, lasciando Kakashi lì da solo a pulirsi le orecchie! Kaguya continua a teletrasportarsi come una forsennata (utilizzare un qualsiasi altro potere già visto. come per esempio una sfera-nera-esplosiva-a-morte, sarebbe troppo poco epico), mentre il di-lei-figlio-Zetsu-nero suggerisce di non farlo troppe volte per non consumare l’infinito chakra a loro disposizione.

684-kaguya-mate

Zetsu-nero, ma che stai a dì?! Kaguya infatti fa finta di nulla, mentre i mega-molteplici cloni di Naruto la attaccano. Succedono un po’ di cose e provvidenzialmente si ritrovano tutti alla dogana-del-teletrasporto: Kaguya fa fuori un clone di Naruto e poi decide di andarsene, lasciando lì a sdoganarsi a vicenda il vero Naruto, Sakura e Obito.

Infine Kishimoto ci regala una perla come solo lui sa fare: nonostante infinite distanze, spazi immensi, universi paralleli e dimensioni alternative, Naruto riesce a percepire chiaramente il chakra di Sasuke.

Near, far, wherever you are, I believe that the heart does go on… ♫♪♩♬

Fonte: Naruto 684


7 motivi per cui amare Kaguya

Per chi non lo avesse capito ho amato, visceralmente e sessualmente, in tutti i modi in cui si può amare, il capitolo 682 e più in generale l’arrivo di Kaguya. Se credete che stia esagerando vi convincerò immediatamente del contrario e anche voi li amerete e perdonerete all’istante tutti gli errori di Kishimoto e tutta la merda dell’ultimo centinaio di capitoli, reputandolo uno dei più grandi mangaka di tutti i tempi.

Va bene, adesso forse sto esagerando, ma procediamo con ordine. A me francamente Madara non piaceva per nulla come nemico, e di Obito non ne parlo nemmeno, avendolo da sempre reputato un bamboccio buono a nulla e avendo sperato fino all’ultimissimo minuto, contro ogni evidenza, che Tobi non fosse lui ma chiunque altri… Francamente credo che Kishimoto stesso si fosse impelagato in una storia fin troppo complicata con loro due, in particolare per quello che riguarda il loro passato ed i loro obiettivi (tant’è che erano davvero poco credibili).

Aver introdotto Kaguya, per quanto sia una trovata da Zona Cesarini, ha in un certo senso permesso il riavvio del manga togliendo di mezzo tutto quello che non andava bene, come per esempio l’inutile ed inefficiente Alleanza Ninja e Hinata. Inoltre Kaguya è un nemico veramente figo, oltre che la personificazione di tutta la misoginia kishimotesca, ma su questo torneremo in un altro momento.

Per adesso voglio soffermarmi sui 7 motivi per cui dobbiamo amare ed idolatrare Kaguya al pari di Bast, sperando che indica una festa anche per le altre divinità evitando che Ra blocchi i commerci e Osiride faccia inaridire i raccolti.

1. Kaguya è una peccatrice e non una fottuta sfigata

Madara era il perfettino della situazione che voleva salvare il mondo come solo lui aveva capito che doveva essere fatto. Un personaggio piatto e monocromatico il cui unico scopo erano la guerra e la salvezza del mondo, due cose in opposizione tra loro al punto da renderlo semplicemente ridicolo ed incredibile (nel senso più letterale del termine). Obito dal canto suo era uno sfigato morto-di-figa, che stava lì a sprizzare isteria da tutti i pori solo perché la ragazzina di cui era infatuato era morta senza che lui potesse chiavarla. Mettere ulteriormente in evidenza quanto fossero noiosi ed assolutamente incomparabili con nemici del calibro di Orochimaru, equivarrebbe a sparare sulla Croce Rossa.

646-kaguya

Kaguya riporta in auge un nemico tale e quale per sua scelta. Lei era una principessa che voleva vincere la guerra e c’era sto frutto che nessuno si azzardava a mangiare, ma come si sa chi non risica non rosica, e quindi lei ha ben pensato di mangiarselo per vedere che sarebbe successo. Et voilà! Tutti i poteri dell’Universo sono confluiti in lei, un po’ stile in Skeletor, e lei ha potuto vincere la guerra. Lei ha fatto la cosa più bella e umana che si potesse fare: ha provato qualcosa che era proibito!

2. Kaguya ha fregato tutti con Zetsu-nero

Col senno di poi possiamo dire che tutti quanti siano stati fregati da Kaguya, tramite il-di-lei-figlio-Zetsu-nero (e non chiediamoci con chi abbia copulato per dargli vita… O forse si tratta di un’inedita partenogenesi umana, in cui le donne finalmente possono riprodursi senza l’intervento dell’uomo). Da Madara ad Obito, da Pain ad Itachi, a modo suo tutti i nemici della serie (eccetto Orochimaru) hanno agito con l’unico scopo di realizzare il suo ingegnoso, quanto complicato, piano di resurrezione!

3. Kaguya non è una frigida guerra-dipendente asessuata

Ancora una volta, fino ad ora, l’unico nemico a salvarsi dal punti di vista sessuale era Orochimaru. Pensateci bene: la sessualità, che ci piaccia o meno, è al centro della vita di ognuno di noi e a modo suo determina in maniera irrevocabile le nostre scelte. E non sto parlando dell’atto sessuale in se, ma proprio della passione erotica, del desiderio del prossimo, dell’interesse di unirsi a qualcun’altro. Questo ad Orosaiwa certamente non mancava, ma tolto lui ci rimanevano: Madara che pensava solo a fare la guerra a Hashirama, Obito che sublimava le sue impotenze sessuali in un amore platonico per Rin (lasciatemi dire che questo è il genere di amore più perverso, ipocrita e malato che ci sia), Pain che… beh si intratteneva con i suoi cloni probabilmente, Itachi che l’unica emozione che abbia mai mostrato era per gli occhi del fratello (stendiamo un velo pietoso) e Danzo che…. beh chi mai avrebbe potuto attrarre con quel sensuale corpo-argo che si era fatto?

682-kaguya

Kaguya invece ha avuto dei figli e non manca di lasciarsi distrarre da una trivialità come la harem no jutsu di Naruto.

4. Kaguya può teletrasportarsi

L’unico potere divertente che aveva Tobi-Obito era il teletrasporto. Il potersi togliere di mezzo a piacere ed andare in un altra dimensione. Kaguya è migliore anche in questo: lei può attraversare infiniti mondi, non solo sparire e ricomparire nel medesimo universo. Questo potere la rende virtualmente invincibile, dal momento che le basterebbe abbandonare il campo di battaglia nel momento di difficoltà per ritornarvi quando è più opportuno. Nello specifico, ora che ha diviso Naruto e Sasuke, sarebbe sufficiente che li lasciasse morire di fame e di stenti in mezzo ai ghiacci o al deserto e la storia si concluderebbe lì.

Kuku, piccola sorpresa alle spalle!

Kuku, piccola sorpresa alle spalle!

5. Kaguya ha creato interi mondi… o almeno li controlla

Nel capitolo 670 l’Uber-Dio-Hagoromo racconta a Naruto come Kaguya, dopo aver mangiato il frutto-proibito dell’alber-casa-Juubi, ottenne il potere per prendere il controllo su tutta quella terra. Mentre lo dice noi la vediamo su una specie di terrazzino (sarà mica quello di uno dei suoi castelli?) che scatena la forza degli elementi sulla terra circostante (nello specifico una specie di tempesta di fulmini). A questo si aggiunge il fatto che per il momento abbiamo visto altri 3 mondi in cui ha trasportato i nostri eroi: uno di fuoco, uno di ghiaccio ed un deserto. Questa serie di indizi apre la possibilità a numerose ipotesi, tutte piuttosto fighe (perché Kaguya è figa a prescindere):

  • Con i nuovi poteri ottenuti Kaguya potrebbe essersi spostata anche in altri mondi e averli conquistati e distrutti, per questo le potrebbe servire creare un esercito di Zetsu-bianchi e furono proprio i suoi figli a fermarla dal proseguire
  • Kaguya potrebbe essere un’entità superiore che ha viaggiato tra i mondi, acquisendo via via nuovi poteri e distruggendo i mondi in cui arrivava

Inoltre il controllo che lei ha su questi mondi è esteso alla loro stessa natura, tanto che i ghiacci strizzano Naruto come una spugna lasciandolo bloccato lì.

670-kaguya

6. Kaguya ha dei simpatici castelli

Per il momento abbiamo visto tre mondi, diversi da quello attuale, due castelli ed un balconcino.

kaguya-castles

Personalmente questa cosa da videogioco mi diverte moltissimo, se non altro perché aggiunge un po’ di mistero attorno a Kaguya ed ai suoi mondi. C’è anche da ricordare che il capitolo 679 si era aperto con questa copertina.

679-copertina-naruto

Dove Sakura sembra indicare che la direzione da prendere è verso il castello, anziché star lì a perdere tempo a fare altro. Che la cosa abbia a che vedere proprio con la soluzione della battaglia con Kaguya?

7. Kaguya è malvagia perché sì

Finalmente sembrano finiti i nemici che erano tali in quanto stavano cercando di salvare il mondo, ma secondo un loro modo di vedere le cose. Kaguya rivuole ciò che si è separato da lei, punto. Non lo fa perché crede di salvare il mondo o menate simili. Lei rivuole il suo potere e basta. Vuole creare un esercito, vuole fare altre cose, ma non ci viene a raccontare che sta tentando di salvare il mondo.

Nello specifico questo la fa assomigliare molto a L-sama, che voleva distruggere l’universo per ricongiungerlo a se stessa, dopo che da lei si era staccato durante il suo sonno.

Img070