Archivi tag: narusaku

Chi giace nella mia coppia?

C’era chi sempre diceva “Naruto non è un manga di coppiette!” è uno shonen e siete voi fangirl a perderci il capo appresso, e sotto sotto pure io lo credevo, ma poi com’è andata a finire? Nelle coppiette! Ecchekaguya!

Dico coppiette perché dal tragico capitolo 700 in poi tutto il merchandising di Naruto non ha fatto altro che vomitare sugli appassionati situazioni di coppia, che non solo fino a quel preciso momento non c’erano mai state, ma che non avevano, e nemmeno ora hanno, motivo di esistere. So che già a sentire queste parole a qualcuno si staranno rizzando i capelli in testa, ma che ci piaccia o meno questo è un dato di fatto. Comunque procediamo con ordine.

Sorvolo sul SasuNaru, sarebbe fin troppo ovvio parlarne, e partiamo subito con l’unica altra coppia veramente canonica di tutta la serie: Naruto e Sakura (o NaruSaku per gli amici).

631-narusaku

Naruto e Sakura sarebbero dovuti finire insieme perché sì, perché è uno shonen e nel modo più ovvio, banale e scontato, sarebbero diventati una coppia alla fine dei fatti: loro erano i Ranma e Akane della situazione, oppure Kaneda e Kay, se vogliamo citare un manga caro a Kishimoto.

Per restare sul parallelismo, anche Akane all’inizio ama il dottor Tofu, esattamente come Sakura è infatuata di Sasuke, ed in entrambi i casi si tratta di un amore infantile, che nel caso di Akane passa e che sarebbe dovuto (e potuto) passare anche per Sakura. Kaneda d’altro canto è spiccicato a Naruto, gli piace Kay, una ragazza manesca ed indipendente che non lo ricambia granché, ed è preoccupato a correre appresso a Tetsuo, esattamente come Naruto corre appresso a Sasuke (eccetto il fatto che Kaneda non pensa a Tetsuo sotto le stelle, non dice che morirà con lui piuttosto che vivere senza, che ha ispirato tutta la sua vita, che avrebbe voluto parlargli prima, che è più figo di altri, che sono davvero compatibili e non si sono nemmeno baciati).

In poche parole il NaruSaku era destino che avvenisse, se nient’altro poteva accadere, soprattutto perché comunque Naruto fin da subito non ha fatto altro che bombardarci col fatto che gli piacesse Sakura.

Capitolo 3 - L'unico momento in cui Sasuke arrossisce per Sakura, è perché in realtà nelle sue vesti c'è Naruto

Capitolo 3 – L’unico momento in cui Sasuke arrossisce per Sakura, è perché in realtà nelle sue vesti c’è Naruto

Facendo finta che tutti gli indizi e le elucubrazioni SasuNaru fossero travisati e si trattasse solo di amicizia, ufficialmente Naruto ha sempre detto: io amo Sakura, riporterò Sasuke indietro per lei, perché come lei ha combattuto per l’amore di Sasuke, io voglio combattere per il suo e certamente niente mi farebbe più felice se lei un giorno mi accettasse!

Se pensate che questa sia una mia sintesi da hater NaruHina o SasuSaku, che passando dal NaruSaku vuole celebrare il SasuNaru (che mente contorta avrei), sappiate che sono le testuali parole pronunciate da Naruto nell’episodio 235 di Shippuden.

Si tratta di un filler certo, e un tale livello di espressività non è mai stato raggiunto nel manga, ma se tanto mi dà tanto non è certo peggio o meno ufficiale di una merda-totale come The Last.

Ultimo, ma non meno importante, vi è il fatto che Naruto e Sakura avevano avuto modo di crescere insieme, di conoscersi a vicenda, di arrivare a capire i segreti desideri l’un dell’altra e alla fine dei fatti, nonostante a noi altri sarebbe toccato ingoiare un rospo amaro, l’accoppiata avrebbe avuto pienamente senso e in qualche modo sarebbe stata anche giusta. Per Naruto sarebbe stata una vittoria sentimentale (d’altronde è lui il protagonista), la riprova che se si vuole riuscire in qualcosa ce la si può fare, e per Sakura il sinonimo di una maturazione interiore e di aver trovato una persona che la ama veramente e non il cordoglio della realizzazione di una fantasia-erotica infantile (fatta più per dispetto ad Ino che altro).

Ahnoi nemmeno questa coppia c’è stata… Per quanto ovvia, banale, scontata e naturale fosse.

Adesso prima di proseguire vorrei che vi figuraste in testa questa immagine: alla fine della serie Ranma si mette con Shampoo e Akane con Kuno.

Naruto e Hinata insieme, oltre ad essere la più insulsa, becera e deficiente coppia pensabile, stanno l’uno all’altra esattamente come Ranma sta a Shampoo. Lei dice di amarlo, ha deciso di proclamarlo autoreferenzialmente il suo marito e fa di tutto per dimostrargli il suo amore, ma Ranma non la considera. L’unica differenza sostanziale è che Shampoo, nonostante tutto ciò, lo fa con dignità e per nemmeno un momento si prostrae ai piedi di Ranma come uno zerbino uomo-dipendente. A differenza di Hinata, Shampoo è potenzialmente in grado di raggiungere il suo obiettivo.

Hinata invece passa 699 capitoli nell’angolo, poi misteriosamente diventa la moglie di Naruto, cosa che gli autori spiegano con un lungo, mortalmente noioso, film shojo: e cos’è successo che Naruto si è innamorato della timida e naruto-dipendente anti-femminista Hinata-chan ♠? Un genjutsu! Che altro poteva farli innamorare?!

Mi prendi per il culo?

Mi prendi per il culo?

Quando l’ho visto non ci potevo credere. E tutti gli appassionati della coppia ad esaltarsi dalla gioia! Ma di che vi esaltate? Questi due si sono messi insieme poco ci manca per un filtro d’amore, con Naruto che praticamente fino a quel momento non aveva nemmeno la premura di accompagnarla a casa e poi dopo “l’incantesimo” si trovano nella destinazione romantica per antonomasia e sorpresa delle sorprese si innamorano.

Come se niente mancasse tutti i topoi romantici tra i due vengono ispirati da scene tra Naruto e Sasuke, il che è davvero tutto un dire, mentre se ne aggiungono altre idealmente incomprensibili, tipo Naruto e Hinata che da bambini corrono insieme. Che ci sta a significare ‘sta metafora? Naruto al più correva appresso a Sakura, se non a Sasuke.

vlcsnap-2015-11-04-02h02m36s247

Ovviamente il significato è che dopo la magia del genjutsu Naruto sente come se Hinata fosse in realtà stata sempre lì con lui, a colmare la sua solitudine… Lui ha capito che lei lo ama e per questo ora ama lei. Alè!

Ma la vicenda non si conclude col film. Va bene, a me ha fatto schifo, però alla fine Naruto e Hinata si baciano e potrebbero vivere felici e contenti per sempre. E’ il finale da 19 anni dopo che tutti temevamo, ma quello abbiamo e quello ci dobbiamo tenere.

Il destino-Kishimoto però è di parare contrario, così tra il capitolo 700 e tutta quella sconclusionata parte di Gaiden, dipinge i due nel modo più tragicomico possibile: anzitutto Naruto è diventato l’hokage-della-pace più impegnato del mondo. E’ così impegnato a lavorare che non ha nemmeno tempo di andare a casa, ma mangia roba preconfezionata e beve sakè.

naruto-700-solo

Ma che ha da fare se regna la pace suprema? Quell’ignavo di Sarutobi aveva ben altre grane, ma poteva comunque aggirarsi per il villaggio appresso all’orfano Naruto o spiarlo nella sua palla di cristallo. Hinata invece deve usare la palla di cristallo per vedere il marito, così come anche il figlio Boruto al quale il padre delega un “misero clone”. Perché? Perché in ufficio ci sono delle cose importantissime da fare. Poi però arriva il falco di Sasuke con una notizia di poca importanza e Naruto lascia tutto ad un clone e corre da lui. La fretta è tanta e tale che non ha manco tempo di aspettare il figlio che gli sta portando il pranzo.

E meno male che Naruto era un orfano che sognava sempre di avere una famiglia; adesso che ce l’ha non ha tempo di occuparsene, perché la sua famiglia è il Villaggio di Konoha. Ah allora, scusa. Felici ma trimoni.

E infine arriviamo alla mia coppia preferita in assoluto: Sasuke e Sakura insieme.

693-sasuke-colpisce-sakura

Dopo averle detto che è noiosa a ripetizione, dopo averla abbandonata alle cure di un cane, averla aggredita verbalmente, abbandonata sul ciglio della strada, ignorata e cercato di uccidere più e più volte, dopo aver chiarito che non ha mai provato niente per lei e che nemmeno capiva che cosa lei provasse per lui, dopo essere stato sul punto di lasciarla alla morte accidentale nella più totale incuria e infine averle trafitto il cuore: Sasuke sposa Sakura.

oscar-statue

Questo è uno di quei momenti di serendipità della vita in cui capite che in realtà non avete capito un cazzo. L’uomo lo si conquista così, come ha fatto Sakura, che praticamente dal primo all’ultimissimo capitolo ha tramato, manipolato ed agito perché Sasuke diventasse suo. Il suo tessssoro… Prima di tutto è riuscita ad infilarsi nel Team 7 a dispetto di Ino, poi ha sfruttato l’amore che aveva per lei Naruto per fargli trovare il suo Sasuke, e infine è riuscita a farsi ingravidare da lui e costringerlo a sposarla (ok, quest’ultima parte l’ho aggiunta io).

Anche qui ovviamente tutti a gioire! Ma di che? Kishimoto ci mette lo zampino e ci fa capire che Sasuke non è tornato a casa dal giorno in cui è nata Sarada: né per un compleanno, né per una festa, mai… Mai…. MAI! Capito?!? E poi ci si meraviglia se a nominare il marito a Sakura saltino i nervi e con un pugno distrugga la casa che ha dovuto pagare lei da sola, con un pesantissimo mutuo… Manco le manda i soldi. Ma che senso ha questa trama?

In 10 anni neanche una visita?

vlcsnap-2015-11-04-02h26m03s1

Una nemica del popolo succhiava il cervello a Sasuke a forza di scopate

Affinché la cosa raggiunga livelli di spazzatura Wall-e tutta la storiella di Gaiden verte sull’improbabile fatto che Sarada sia la figlia di Karin, in modo da coinvolgere il lettore fino all’ultimo capitolo, dove si scopre che non era così e Sasuke, oltre ad andarsene senza manco un bacio alla moglie, spiega alla figlia che l’amore che unisce i suoi genitori è lei.

Come-cosa?! I figli sarebbero la prova dell’amore tra i genitori? Come se non potessero nascere da relazioni accidentali, da stupri o situazioni di non-amore. Da questo punto di vista, almeno Naruto e Hinata hanno avuto insieme qualche momento da vera coppia. Tra Sasuke e Sakura invece niente, dopo 10 anni di assenza riescono giusto giusto a farsi una foto con la figlia.

“Mamma, tu ti baciavi con papà?” fa la figliola, e Sakura ha bisogno di rifletterci sopra e concludere che hanno fatto di meglio! Immagino il sesso… Senza baci però, perché a Sasuke piace farlo in modo rude. Arrivati a questo punto la discarica implora che si smetta di gettare altra nettezza, mentre Sakura sintetizza la somma dell’amore, che le ha insegnato Sasuke, nel colpetto in fronte che Itachi dava al fratellino. Cioè Sasuke è talmente incapace di amare Sakura che deve scopiazzare un gesto affettuoso di suo fratello? Viene quasi il sospetto che si sia messo con lei solo per ridare vita al suo clan…

Certo, c’è chi dice che è un gesto denso di significati, ma ora immaginatevi di uscire con un ragazzo e al momento topico del bacio lui vi fa: “no ferma, facciamo ambarbàcicìcocò, come facevo con la mamma!”

Comunque sia, per tornare al parallelismo di prima, è come se aveste visto Akane mettersi con Kuno. Akane ha sempre detestato Kuno e glielo ha fatto capire in millemila modi possibili; Kuno dal suo canto desiderava avere al suo fianco la bella-della-scuola, senza conoscere realmente niente di lei e senza essere concretamente innamorato — amava il fatto di amarla.

Sakura, che piaccia o meno, in 700 capitoli di manga non ha mai dimostrato di capire Sasuke, tant’è che perfino in quella mielosa sviolinata del 699 non lo comprende e gli propone di venire con lui, mentre Naruto, che invece lo capisce perfettamente, intuisce che non vuole nessuno al suo fianco in quel momento. Così tutti i suoi propositi di superarsi, diventando la discepola di Tsunade, si volatilizzano in un istante, nel momento in cui frigna di nuovo e senza successo di fronte a Sasuke, come una pulzella pene-dipendente che non vuole altro che l’amore-totale della sua vita: perché lo voglia, a parte fare un dispetto ad Ino, non ci è dato saperlo.

Annunci

Tempo di coppie, coppie nel tempo

Se è vero che le emozioni ed i sentimenti vanno coltivati, indaghiamo nuovamente sulle nostre amate coppiette e scopriamo quanto tempo hanno avuto (o dedicato) i nostri beniamini gli uni con gli altri, perché la pianta di Venere potesse crescere rigogliosa. Prima di lasciarvi al grafico, voglio però snocciolare alcuni pedanti dati. Se qualcuno vi chiedesse quanto tempo nel manga è dedicato a Naruto, per esempio, ovvero in quanti capitoli compare, che cosa direste? Beh, forse vi sorprenderà scoprire che il nostro protagonista occupa appena il 68,6% della storia. Al suo seguito c’è Sasuke con il 48,6% della storia e subito dopo Sakura con il 24,0% di capitoli presenziati. Hinata, con il suo 4,0% ha invece avuto meno spazio di Pain (con il 12,8%, di cui il 5,0% nelle vesti di Nagato) oppure Obito, posizionato ad un favolistico 10,3% (e da questo conteggio è esclusa la sua presenza in veste di Tobi). Kakashi ci ha deliziati per il 29,6% della storia, mentre Orochimaru per il 19,2%, battendo almeno in questo Itachi, che si trova al 15,2%. Infine Jiraiya e la nostra adorata Tsunade se la battono alla pari rispettivamente sul 11,5% e 12,8%.

Tolta questa curiosità arriviamo a noi: senza grande sorpresa salta subito all’occhio come Naruto e Sasuke siano quelli al cui rapporto l’autore ha dedicato più tempo (il 46% del totale). Immediatamente dopo arrivano Naruto e Sakura (il NaruSaku, per chi non lo sapesse) con il 28% e Sasuke e Sakura (SasuSaku, per gli amici) con il 22%. A dispetto della passione dei più la coppia Naruto e Hinata raggiunge a mala pena il 5%, il che la dice lunga su quanto interesse vi abbia riversato il demonio-Kishimoto.

naruto-tempo-di-coppia


Dogma SasuNaru

Il manga sta per concludersi e a breve tutto quello che si sarà dovuto dire sarà detto e tutto quello che non si dirà non si potrà dire mai più. Come si concluderà è difficile a dirsi, sta tutto nelle mani di Kishimoto e, come la Rowling insegna, bastano 19 anni dopo per seminare morte e distruzione tra le aspettative degli appassionati. In queste aspettative, nello specifico, ricadono anche quelle dei sostenitori della famigerata coppia Naruto e Sasuke, il SasuNaru per chi non lo avesse capito, che secondo molti non è altro che masturbazione mentale senza alcuna ragione di esistere.

oav-sasunaru

Le principali argomentazioni contro questa ipotesi sono che si sta parlando di uno shonen e che in generale c’è un grandissimo fraintendimento su un tema molto più semplice e molto meno compromettente: l’amicizia. Allo stesso tempo al SasuNaru si affianca un fottio di accoppiamenti che vanno dai più canonici SasuSaku, NaruHina e NaruSaku, ai bizzarri e fantasiosi ItaSasu, SaiNaru, ChiyoTsunade, ecc. Lo so può sembrare una stronzata, ma la fantasia degli appassionati davvero non ha limiti.

Ebbene, fin qui niente di nuovo sotto il sole: da quando il mondo è mondo i lettori hanno fantasticato sui propri beniamini e, inevitabilmente, sulle loro affinità sessuali. Non starò ad annoiarvi con infiniti esempi che potrete trovare prendendo qualsiasi manga (visto che di manga stiamo parlando), ma anche libro, film e quant’altro. Naruto stesso ne è, senza ombra di dubbio, un ottimo esempio.

Il NaruHina e il SasuSaku, tanto per fare un esempio cruciale, si basano su fondamenta così vaghe e fragili, da essere attribuibili alla mera fantasia dei lettori e poco più. Con queste definizioni di coppia ovviamente non intendo il concetto del a lei piace, ma lui la ignora, quanto invece il fatto che la coppia possa, un giorno, convolare alla piena attuazione. Attuazione che per esempio non solo sembra improbabile per Sasuke e Sakura, ma è stata anche definitivamente ed irrimediabilmente affondata dal destino-Kishimoto, e ora giace, lode a Kaguya, in fondo agli abissi assieme a Jack e al Cuore dell’Oceano. Il NaruHina non se la sta passando molto meglio, né mai lo ha fatto, ma ovviamente l’ultima parola spetta solo all’autore per cui non mi esprimerò ulteriormente in merito.

E proprio seguendo la penna dell’autore arriviamo finalmente al SasuNaru. Da un canto la coppia è stata ufficializzata dal Konoha Gakuen Den, sebbene in un universo parallelo, per cui se non fosse per altro che per questo, avrebbe senso di parlarne; in secondo luogo tutto Naruto non è altro che un’opera di fantasia, non certo una cronaca d’epoca, e tutti gli eventi, i sentimenti ed anche le relazioni, sono partorite dalla mente e dalla mano del nostro caro Kishimoto. Da questo punto di vista è quindi essenziale considerare gli intenti dell’autore e la simbologia che si cela dietro certi eventi, che in caso contrario potrebbero essere tanto fortuiti quanto insignificanti.

Ciò a cui mi riferisco trova il suo miglior esempio in Haku, e in tutta la vicenda dello scontro con Zabusa. Per chi avesse la memoria corta (ma la lingua lunga) ripercorriamo la sequenza degli eventi, magistralmente proposta dall’autore: Naruto e Haku si incontrano nel boschetto (il protagonista lo scambia per una ragazza) e quest’ultimo gli chiede se per caso si stia allenando per provare qualcosa a qualcuno, o se più in generale ci sia, nella sua vita, qualcuno di importante per lui. Mentre Naruto balbetta nella più completa indecisione, Haku se ne va e il suo posto viene provvidenzialmente preso da Sasuke. Seguiranno poco dopo le parti de il mio corpo si è mosso da solo e Naruto che tira fuori il meglio di se per vendicare Sasuke.

27-sasunaru-sasuke-naruto

A mio avviso questo è anche il momento in cui nasce l’idea del SasuNaru, o almeno per me prende concretamente forma. Non fraintendetemi: non me ne sbatte niente se sarà Sasuke a stare sopra e Naruto sotto o viceversa, non sto a fare il tifo per il SasuNaru piuttosto che per il NaruSasu, né me ne importa un fico secco di quella miriade di manga yaoi che li ritraggono assieme. Quello che invece mi interessa è proprio che cosa Kishimoto ha da raccontare in merito, perché il primo accostamento lo ha fatto proprio lui: la storia della persona importante non viene da Gaara, o da Rock Lee o Shikamaru, ma proprio da Haku, che in questa persona riconosce Zabusa. Il fatto che l’autore abbia scelto una coppia di uomini da cui far partire questo confronto per me non è una mera coincidenza.

Non è una coincidenza nemmeno che Naruto abbia ignorato completamente la dichiarazione di Hinata, ed anzi l’abbia riproposta pedissequamente a Sasuke, che Sasuke, all’arrivo di Itachi, non abbia pensato prima al fratello, bensì al pericolo per l’amico, che Naruto si sia fatto venire un’attacco di panico al pensiero che volessero uccidere Sasuke, che lo pensasse sotto le stelle, che fosse l’ispirazione di tutta la sua vita e via discorrendo.

Agli indizi del manga si aggiungono ovviamente anche spunti dall’anime e dal merchandasing in generale (per quanto per me abbiano una rilevanza minore, non essendo prodotti diretti dell’autore), cominciando dal più clamoroso di tutti tra le pagine di un calendario.

sasunaru-calendar-flower

Oppure situazioni indimenticabili dei filler dove una loro caduta viene coronata da un cuore d’acqua a seguito dell’ennesimo bacio.

Per tutti questi motivi io ho la convinzione che per Kishimoto stesso la loro relazione non si esaurisca nella mera amicizia e che egli medesimo abbia voluto cercare di dirci qualcosa di più. Molti dicono ingenuamente che questo è un modo banale di vedere una straordinaria amicizia, ma a queste critiche non posso che rispondere considerando che se questa è un’amicizia che cosa dovrebbe essere l’amore? Chiaramente, come anche altri hanno evidenziato, se si stesse parlando di un uomo ed una donna, allora diventerebbe tutto quanto lapalissiano e nessuno avrebbe alcun dubbio.

akane-ranma

Inutile ribadire come non sopporti sentir dire cavolate come Naruto manga omosessuale, perché né lo considero tale, né potrebbe mai esserlo, nemmeno se Naruto e Sasuke si baciassero in bocca nell’ultimo capitolo (tanto poi lo hanno già fatto all’inizio), perché evidentemente a Kishimoto non gliene sbatta nulla di raccontare una storia sull’omosessualità (sulle sue difficoltà nella società, l’identificazione personale, il riconoscimento, e bla bla bla), ma gli interessi semplicemente raccontare una storia d’amore, fuori dagli schermi per la nostra modernità occidentale, ma per niente estranea alla cultura giapponese dei samurai.

Detto tutto questo non ci resta che vedere come andrà a finire, e soprattutto che cosa vorrà dirci Kishimoto in conclusione, perché anche un niente di detto potrebbe avere un suo significato. D’altro canto io ho sempre ben presente che l’autore purtroppo non sia mai del tutto libero, perché dal suo lavoro dipendono anche i lauti introiti di altri, specialmente perché l’anime è lungi dal concludersi. Se porterà fino in fondo questa storia, di cui ha gettato le basi in quasi settecento capitoli di manga, per me resterà una delle opera più memorabili di sempre, seppur con tutti i suoi numerosi difetti; in caso contrario pace, semplicemente non ci sarà niente di nuovo all’orizzonte.


Coppie alla tavola rotonda

coppie-naruto-diagramma

Torniamo a parlare delle nostre coppiette preferite, sempre basandoci sulle ricerche effettuate con Google¹, ma questa volta al confronto con i vari paesi del mondo (o almeno quelli più rilevanti in questo campo).

Come al solito scopriamo che la fetta più grossa della torta la detiene il SasuSaku (Sasuke e Sakura, per chi ancora non lo avesse capito), seguito a ruota dal NaruSaku (ancora una volta Naruto e Sakura che stanno insieme), mentre il NaruHina (Naruto e la polverosa Hinata) fanno da fanalino di coda. In mezzo si muovono il SasuNaru e il NaruSasu (l’accoppiata gaia di Naruto e Sasuke — in base al ruolo che ciascuno dei due svolge nella coppia) che però voliamo tenere separati, anche se si potrebbe parlare della stessa cosa (in tal caso sarebbero in testa alla classifica, ma non ci piace vincere facile).

Il paese che dà equamente (o quasi) valore a tutte e 5 le accoppiate è l’Indonesia! Non si può dire che facciano discriminazioni sessuali (purché non si sia trovati a masturbarsi, allora segue la decapitazione!).

In Bulgaria, Romania ed Ecuador hanno invece sentito parlare solo del tradizionale SasuSaku — si vede che l’uomo che tratta male la donna e poi si sposano è l’unica cosa che approvano!

L‘Ungheria invece è divisa in due fazioni: SasuNaru o SasuSaku. Effettivamente sarebbe difficile per Sasuke ricoprire onestamente entrambi i ruoli.

Gli spagnoli, così come i brasiliani, privilegiano invece un sobrio NaruSaku, benché non disdegnino nemmeno le altre possibili accoppiate, se escludiamo il NaruHina (si vede che la affatto caliente Hinata non attizza molto).

In Italia, infine, spopolano il NaruSaku (siamo un popolo anti-friendzone) ed equamente il SasuNaru e il NaruSasu, che assieme si portano la medaglia d’oro nostrana.

¹ I risultati sono stati calcolati con Google Trend,il grafico è stato elaborato con Circos


Naruto in pillole – Capitolo 671

671-sasunaru

Continua il soliloquio dell’Uber-Dio-Hagoromo: “Io sono e non sono, fratello Sole, sorella Luna, tu capisci e non capisci… Ma insomma ormai intuisci cosa vo per dirti!”

Naruto è un po’ perplesso: intuisce o non intuisce? Beh su una cosa è certo, se c’è qualcuno con cui deve fare coppia in questa condivisione-spirituale quello è Sasuke! E’ Sasuke?!

“Sì” conferma Uber-Dio-Hagoromo: “Sasuke è l’incarnazione dello spirito di Indra!”

“Io lo sentivo…” Fa Naruto. “Sì va bene, ma qui parlo io!” Lo interrompe Uber-Dio-Hagoromo, poi continua la sua spiegazione: “Voi siete e non siete veramente parenti, perché anche se non è il sangue a legarvi, vi lega e non lega l’unione spirituale dei miei figli e non figli, come fu anche per Hashirama e Madara! All’alba dei tempi mia madre governava il mondo con il potere delle illusioni e non illusioni, poi il potere le dette e non dette alla testa e lei divenne un dio e demone allo stesso tempo; la gente la temeva e non temeva allo stesso tempo; indi per cui io decisi di dividere il di lei potere nei miei discendenti; su una tavoletta di pietra incisi in cuneiforme antico la più sacrosanta delle verità: i poteri riuniti avrebbero potuto portare pace e distruzione! Purtroppo nessuno pare l’abbia letta e non letta, nonostante il cuneiforme fosse molto famoso al tempo dei Sumeri! Madara ha ottenuto e non ottenuto il rinnegan proprio perché ha mischiato nel suo corpo il chakra di entrambi i miei figli…”

Naruto è lì che ascolta con un senso di vertigini: “Naruto!” urla Uber-Dio-Hagoromo: “Tu e Sasuke dovete unirvi!”

Come-cosa?! Naruto non crede alle sue orecchie, gli vengono in mente subito tutti i suoi amici, in una rappresentazione allegorica tipica dell’antico Egitto.

671-sasunaru-hinata-sakura

Al centro di tutto c’è Sasuke, leggermente più grande rispetto a chi lo attornia, per non rischiare di lasciare dubbio alcuno. Subito accanto Jiraiya e Iruka, quelli che si sono avvicinati di più ad un ruolo di genitori per il nostro Naruto, poi a riempire lo spazio ci sono gli amici, con Sakura e Hinata, per buona pace degli appassionata, al confine esterno (almeno la fragola-rosa non è stata disegnata evidentemente più piccola, come invece è successo a quella polverosa di Hinata ♠), assieme alle altre donne, che il nostro protagonista in generale non capisce (eccetto Ten-Ten di cui invidia l’acconciatura, per questo è così vicina!).

“Ma le sorprese non sono finite!” prosegue Uber-Dio-Hagoromo: “Quel tale Obito ha avuto il tempo di inserire in te un pezzetto di ciascun bijuu, per cui adesso sono tutti dalla tua parte! Fai l’appello per controllare se ne manca qualcuno!”

671-appello

“Bene!” si compiace Uber-Dio-Hagoromo: “Prima di partire ricordati il tuo Pokédex! E adesso un’ultima sorpresa!”

“Quale?” Naruto è già abbastanza su di giri.

“Mentre tu fai e non fai domande utili e non utili che potresti comprendere e non comprendere, io mi trovo e non trovo sia dentro di te che dentro il tuo amico Sasuke per celebrare la vostra unione. Afferra il mio bastone giovane Naruto, vuoi tu prendere…” Naruto ormai ha la vista annebbiata, non ci capisce più nulla. “La tua risposta è sì?” lo interroga il Saggio delle 6 Vie “Sì, sì, sì!”

Certo che la risposta è sì. Ed ecco di nuovo i nostri eroi uniti (da una mazza), pronti a chiamarsi a vicenda shekh ma shieraki anni e jalan atthirar anni, e a quanto pare a fare la Luna tocca a Sas-uke

Fonte: Capitolo 671


Coppiette MMXIV

coppi-naruto-2014

Mentre nel manga continua a non succedere niente, vediamo come sono cambiate le attitudini tra gli appassionati verso le coppie più gettonate della serie!

Al 21 gennaio 2014 si registra, per volume relativo di ricerca, ancora in testa la coppia Sasuke-Sakura (SasuSaku) con il solito picco del 96% (che dirà la fragola-rosa della morte-nel-cuore dell’Uchiha?), seguono Naruto e Hinata (NaruHina) con il 62%, il 3% in più rispetto al giugno del 2013 (l’interesse aumenta!), e Sasuke e Naruto (SasuNaru e NaruSasu) sempre con il 62%, circa l’8% in meno di sei mesi fa; Naruto e Sakura (NaruSaku) chiudono da fanalino di coda al 36%, il 5% in meno rispetto a giugno.coppie-naruto-gazzetta-di-konoha

Nella media globale vediamo ancora una volta in testa la coppia Sasuke-Sakura, con il 35% di volume medio assoluto, confermando il resto della classifica, nonostante una piccola flessione per Sasuke e Naruto, di circa il 0,6% in meno rispetto a sei mesi fa.

In conclusione, per dare a Cesare quel che è di Cesare, scopriamo che anche altre coppie hanno avuto piccoli-grandi (in)successi:

  • Sasuke e Hinata guadagnano un 1% passando dall’11% al 12% di volume di ricerca relativo (visto che Hinata uber-ama Naruto, magari possono trovare almeno un punto in comune)
  • 2% per Itachi e Naruto, sotto del 3% rispetto a sei mesi fa (ora che è tornato Sasuke possiamo infischiarcene del fratello)
  • 4% stabile per Itachi e Sasuke (l’incesto non è un reato tra i Targaryen, per cui…)
  • 1% di Sakura e Hinata (SakuHina), ma non il contrario (ma d’altronde Hinata attiva è come dire Madara sano di mente)
  • 0% per Sai e Naruto, affossando così per sempre le speranze di quel promiscuo ANBU

Adesso capisco perché mi piace

3-sasuke-naruto-sakura

Capitolo 3. Naruto, Sasuke e Sakura sono da poco entrati a far parte del Team 7. Naruto decide allora di camuffarsi da Sasuke, per avvicinare Sakura e saperne di più sul proprio conto. Sakura di tutta risposta gli dice che Naruto non la capisce, che è sempre tra i piedi e che in realtà l’unica cosa che conta per lei è “essere riconosciuta da lui [Sasuke]”. Questo vi ricorda qualcosa? Naruto naturalmente rimane un po’ spiazzato e nel frattempo gli frullano in testa le di lei parole: “l’unica cosa che voglio è che tu mi riconosca”. A quel punto Sakura si avvicina a Naruto-Sasuke e tenta di baciarlo, mentre quest’ultimo riflette: “mi sembra finalmente di capire perché mi piace tanto”.

Che ci sarà da pontificare adesso? E’ una normale scenetta sulla relazione Naruto-Sakura-Sasuke, niente di strano. Oppure no? Beh di strano effettivamente non ci sarebbe nulla, se non che ancora una volta l’essere riconosciuti dall’altro viene riproposto collegato al tema dell’amore. Hinata vuol’essere riconosciuta da Naruto, Sakura vuol’essere riconosciuta da Sasuke, Naruto vuol’essere riconosciuto da Sasuke

Si potrebbe obiettare che si tratti comunque di situazioni diverse e che Naruto vuole un’approvazione in senso fraterno, ma qui arriva il demonio-Kishimoto che non manca di buttare benzina sul fuoco in una delle sue interviste¹:

Shonen Jump: Naruto e Sasuke si sono baciati (accidentalmente) nel primo capitolo in cui compaiono insieme. Questo aggiunge una dimensione particolare alla loro rivalità?

Masashi Kishimoto: Non l’ho fatto per alcun motivo particolare, eccetto sorprendere i lettori. L’ho fatto principalmente perché penso che non ci sia un manga dove due rivali si siano baciati. Inoltre, grazie a questo inconveniente, è stato molto più facile tirar su il triangolo amoroso: Sakura, che avrebbe dovuto essere la prima a ricevere un bacio da Sasuke, se lo è fatta rubare dal suo rivale Naruto, Sasuke e Naruto poi sono rivali e questo ha aggiunto altra tensione. E così via.

Come-cosa? Naruto sarebbe un rivale di Sakura in che senso? Dalle parole di Kishimoto sembrerebbe quasi che fossero rivali in amore, visto che il discorso ruotava attorno alla storia del bacio e considerato che, per tutto il manga, non si percepisce mai altro tipo di rivalità tra i due. In questa ottica parrebbe quasi che l’ammirazione di Naruto per Sakura, ed il suo “mi sembra finalmente di capire perché mi piace tanto”, non sia rivolto tanto all’affetto che prova per la ragazza, quanto al fatto che riconosca in lei i medesimi sentimenti che prova lui per Sasuke.

In secondo luogo è innegabile che, a parte le palesi dichiarazioni di amore, per tutta la serie Naruto non abbia mai manifestato un concreto desiderio verso Sakura, né rammarico o gelosia quando lei stava appresso a Sasuke, né interesse quando lei si mostrava interessata a lui (per quanto la cosa potesse essere falsa da parte della ragazza). Tanto che alla fine si ritorna sul solito punto che Naruto pare amare Sakura, perché Sakura ama Sasuke, quasi in un disperato tentativo di aggiungere almeno un legame tra loro due, seppur di rivalità per una donna. (da questo punto di vista, anche se tra Sasuke e Naruto non vi fosse mai esistito alcun altro legame, ci sarebbe stato almeno quello che Naruto amava Sakura, che amava però Sasuke)

¹ Purtroppo l’intervista è senza fonte, se qualcuno riuscisse a recuperare il pezzo originale avrebbe l’eterna gratitudine della Gazzetta di Konoha.