Prendi Sakura e scappa, più lontano che puoi

133-sasuke-naruto

Capitolo 133. Naruto sta affrontando Gaara, che è già riuscito a mettere al tappeto Sasuke e paralizzare Sakura in una morsa di sabbia. Naruto trova un punto debole dell’armatura-mostro del nemico, ma poco dopo viene scaraventato via.

Sasuke fa in tempo a fargli da scudo e attutire l’impatto con il suo corpo.

133-sasuke-naruto-scudo

Pakkun stesso sembra stupirsi di questo gesto, considerando le condizioni in cui si trovava Sasuke (ma noi sappiamo che quando si tratta di Naruto non bada ad altro).

Quando si riprendono entrambi, Sasuke dice a Naruto che questa volta non riuscirà a proteggerlo come nel Paese delle Onde, il biondo ovviamente si indispone subito e il primo aggiunge immediatamente: “Sakura, devi salvarla, non importa a quale costo. So che puoi farlo. Appena riesci a liberarla, prendila e scappa… Più lontano… Più veloce che puoi…”

Naruto sta per contraddirlo, ma Sasuke prosegue dicendo che non sa quanto tempo riuscirà a far guadagnare loro, ma soprattutto che: “Ho già perso una volta tutto quanto… Non voglio vedere mai più quelli che mi sono cari, morire davanti ai miei occhi…”

A Naruto viene in mente Haku (sic!) e le sue parole sul fatto che solo quando si ha qualcuno di veramente speciale da proteggere, solo allora si diventa veramente forti.

134-sasuke-naruto

“Lascia fare a me” dice Naruto, deciso più che mai a proteggere i suoi compagni e soprattutto Sakura-chan (naturalmente!).

La battaglia sappiamo come andrà a finire (compresa la redenzione di Gaara), ma vorrei soffermarmi ancora a riflettere un attimo sullo scambio di battute tra Sasuke e Naruto. Abbiamo già visto come il corpo di Sasuke si muova da solo per salvare Naruto, ma questa volta l’azione non impone subito un gesto tanto estremo, così Sasuke ha modo di chiarire al compagno che non avrà modo di difenderlo come nel Paese delle Onde (ora non pavoneggiarti troppo, il tuo sacrificio al più ne avrebbe ritardato la morte se non fosse stato per Kyuubi). Questo però indispone Naruto e allora Sasuke sembra quasi cercare un escamotage per farlo andare via e gli affida un compito: salvare Sakura!

Prima di proseguire fermiamoci un secondo. Ancora una volta il primo pensiero di Sasuke è proteggere Naruto, mentre ci si potrebbe aspettare che pensi subito ad entrambi i compagni (se fossero equivalenti), oppure che pensi immediatamente a Sakura (per buona pace di tutti i sostenitori della coppia). Invece tira fuori Sakura come carta da giocarsi con Naruto, che tra l’altro dichiaratamente la ama, e gli dice di fuggire via con lei, più lontano che può. Quasi confidando sul fatto che assegnandogli questo compito riuscirà a farlo allontanare da lì e non dover vedere di nuovo morire qualcuno che è importante per lui. A questo punto entra in gioco Kishimoto (sulla cui testa pende la scure per gli ultimi capitoli), qualora potessimo pensare che entrambi i compagni siano ugualmente importanti per l’uchiha, e fa tornare in scena Haku che pochi capitoli prima asseriva che Naruto doveva avere qualcuno di molto importante per lui.

Per cui sì, Naruto, anche tu sei importante per Sasuke, che purtroppo ha la sfera emotiva di un troll e non sa dirtelo altrimenti.

Per concludere Naruto sente tutto e non capisce nulla e decide che lui salverà tutti (meno male, che se era per l’emo-uchiha eravate già tutti morti nel dramma-sempiterno), soprattutto Sakura-chan, visto che questo è segretamente il compito che gli ha affidato Sasuke e non sia mai deludere chi ha ispirato tutta la sua vita.

sic et simpliciter

Annunci

6 responses to “Prendi Sakura e scappa, più lontano che puoi

  • Lavinia

    Quest’ analisi di Sasuke-troll è perfetta. Personalmente ho sempre pensato che tra Sasuke e Naruto, fosse proprio il primo ad avere più chiaro -da un punto di vista razionale- quanto l’altro conti/contasse per lui. Naruto è di indole decisamente meno riflessiva, non sente – o più probabilmente ignora- il bisogno di porsi domane e quindi di darsi risposte. Nel momento in cui Sasuke lascia Konoha e la possibilità di perderlo (di non “essere più parte del suo stesso mondo”) diviene concreta, il suo sentire si fa limpido (rivoglio indietro Sasuke così com’era all’ inzio), proprio perché non prende in considerazione il bisogno di analizzare ciò che sta alla base di un desiderio così pressante e assoluto. In un certo senso, si potrebbe definirlo un “ingenuo”.
    Sasuke, invece, rimugina su tutto. Anche su quello che vorrebbe poter ignorare, indi per cui si trova costretto a darsi e dare risposte di “copertura”, qualcosa che giustifichi il proprio sentire e agire (vedasi la scena del combattimento contro Haku, appunto, in cui il suo corpo “si muove da solo”). Qui, però, fa un passo avanti. Almeno in parte, accetta ciò che prova, senza ricorre a giustificazioni. L’unico escamotage che utilizza è quello di esplicitare il proprio sentire, conformandolo alla situazione. E lo fa soprattutto per tutelare Naruto. Con questo non voglio dire che ignori totalmente Sakura, ma che -semplicemente- il suo primo pensiero sia rivolto a Naruto. A Sakura pensa dopo e sembra farlo anche per una questione di necessità. La necessità, come si evince da questo post, di proteggere Naruto, di fare in modo che s’allontani volontariamente per salvare Sakura.

  • Sono pronto a qualsiasi cosa | la Gazzetta di Konoha

    […] “Chissà che cosa avrebbe fatto Sasuke-kun… Avrebbe combattuto proteggendoti? Visto che come dici era un tuo compagno di squadra?” Ribatte con noncuranza Sai. (e non sospetta quanto abbia ragione) […]

  • Sakura per un giorno | la Gazzetta di Konoha

    […] 133. Sasuke si ridesta e decide di intervenire in soccorso di Naruto, dicendogli di andarsene e portare in salvo Sakura. Naruto però non vuole andarsene ed affronta Gaara in uno scontro spettacolare, mentre Orochimaru […]

  • Il ritorno di Sasuke – parte terza | la Gazzetta di Konoha

    […] (capitolo 678), cercando quasi di tornare sui propri passi per non scontentarlo eccessivamente: sembra di tornare allo scontro con Gaara nella foresta, dove pur di far fare al biondino ciò che reputava giusto, acconsente anche a compromessi ai quali […]

  • L’eredità di Naruto e Sasuke | la Gazzetta di Konoha

    […] che il compagno ami la ragazza e sia disposto a fare per lei quello che egli avrebbe fatto per lui (capitolo 133). Il ritorno di Itachi complica ulteriormente le cose, perché riporta Sasuke alla realtà: non è […]

  • Chi giace nella mia coppia? | la Gazzetta di Konoha

    […] averle detto che è noiosa a ripetizione, dopo averla abbandonata alle cure di un cane, averla aggredita verbalmente, abbandonata sul ciglio della strada, ignorata e cercato di uccidere […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: